CAVIA ROSETTA

ORDINE:
FAMIGLIA: Caviidae
SPECIE: Cavia porcellus
NOME COMUNE:
ZONA D’ORIGINE:

La cavia “rosetta” presenta un mantello che può assumere diverse colorazioni e si caratterizza per il pelo corto e “arruffato”.
CARATTERISTICHE:
Se girando in negozio ti trovi di fronte a due occhietti guizzanti che ti guardano, accompagnati da un tipico fischiettare, sei di fronte ad una Cavia (Cavia aperea) o Porcellinod’India, un tra i più comuni NAC (Nuovi Animali da Compagnia).
Quest’ultimo soprannome le venne dato da Cristoforo Colombo che, approdato in America e credendo di essere arrivato nelle Indie, si trovò di fronte a queste buffe bestiole che con il loro versetto stridulo gli ricordarono i maialini.
La Cavia è infatti originaria delle zone montuose del Sudamerica (oltre 4200 mt di altezza) dove il manto erboso le garantisce l’apporto costante di vitamina C e consente a questi animaletti di mantenere in esercizio i loro denti a crescita costante.
Al momento si conoscono numerose razze:
– A pelo raso: detta anche “Inglese”, ha un manto compatto, uniforme e morbido;
– A pelo lungo: detta anche d’”Angora”, ha ciocche di pelo lunghe fino a 12cm che richiedono frequenti spazzolate;
– A rosetta: detta anche “Abissina”, ha un pelo ispido che si apre in diversi punti del corpo dandole un aspetto spettinato.
I colori: bianca con gli occhi rossi, nera, blu, rossa, tricolore…
ALIMENTAZIONE:
Punto fondamentale nella cura della cavia è l’alimentazione. La dieta dovrebbe essere il più possibile completa e cioè composta da mangime solido con l’aggiunta di frutta e verdure fresca. La cavia può nutrirsi di: tarassaco, cicoria, insalata, sedano, carota,mela, pera e cetriolo. Fondamentale è anche una dose quotidiana di fieno utile al processo digestivo. Prima di offrire verdura o frutta, lavarle asciugarle e servirle a temperatura ambiente.
Non dimentichiamoci dell’acqua che deve essere sempre a disposizione da somministrare mediante beverini a goccia e della vitamina C che vi si può aggiungere, perché le cavie hanno perso il meccanismo di sintesi di questa vitamina.
RIPRODUZIONE:
Le cavie, sia maschi che femmine sono già fertili ad un mese d’età, tuttavia l’ideale per il primo parto di una cavia sarebbero i due/tre mesi, al contrario una cavia non dovrebbe mai avere la prima cucciolata dopo i sette mesi, in quanto le ossa del pube si solidificano e difficilmente la cavia riesce a partorire, a volte si può ricorrere al cesario, altre volte la cavia non sopravvive. La cavia femmina è recettiva praticamente sempre, anche se ha dei cicli d’estro specifici, anche subito dopo il parto la cavia è pronta ad accoppiarsi di nuovo. La gravidanza dura da 55 a 75 giorni, in genere…I cuccioli di cavietta iniziano ad essere autonomi verso i 12 giorni, tuttavia è bene lasciarli con la mamma fino ai 21 giorni, dopodichè è bene separare i maschi dalle femmine. I cuccioli nati per parto vanno da 1 a 6.  Prima di far partorire una cavia, bisogna comunque fare un’attenta riflessione sulla sistemazione dei futuri piccoli.
PRINCIPALI MALATTIE:
– Coccidiosi: infestazione di parassiti dell’intestino, che provoca dimagrimento, diarrea, inappetenza e poliuria;
– Trixacarus Caviae o Rogna : infestazione da acari che da prurito intermittente, alopecia, lesioni cutanee e croste;
– Carenza di vitamina C: mancanza di vitamina C data da un’alimentazione scorretta che porta callo osseo, fratture e periartriti.
ALLEVAMENTO:
La Cavia necessita di una gabbia di almeno 80x60x35 con il fondo ricoperto da una lettiera di tutolo, paglia o fieno di 4 cm di spessore (sono sconsigliati truciolo non depolverizzato e torba perché per la loro polverosità che può portare micosi) da pulire ogni 3-4 giorni.
E’ inoltre utile darle un rifugio dove possa nascondersi perché molto timida e timorosa.
La temperatura ideale è tra i 18 ed i 26 C° mentre sono decisamente pericolosi colpi d’aria e colpi di calore.
Gli spaventi e i rumori molto forti possono stressarla;
Sollevala sempre con una mano sotto al posteriore;
Questo animaletto vive bene anche da solo, non è necessario un compagno o una compagna;
La cavia è un animaletto crepuscolare e notturno: predilige svolgere le sue attività dal tramonto all’alba.

SEO Strategy by MatteoGiorgi.com